Benvenuti nella nostra cioccolateria online che offre una selezione di prodotti che non troverete nei negozi tradizionali. Offriamo una vasta gamma di prodotti come cioccolato fondente, al latte, bianco, cioccolatini, caramelle e molto altro.

[pt_view id=”02c71fenbv”]

Domande frequenti

Sul nostro blog troverete tutte le informazioni di cui avete bisogno. Il cioccolato è l’alimento ottenuto miscelando lo zucchero con due prodotti derivati dalla manipolazione dei semi di cacao: pasta di cacao e burro di cacao. Da questa combinazione di base si ottengono i diversi tipi di cioccolato che dipendono dalla proporzione tra questi elementi e la loro miscela, o meno, con altri prodotti come il latte, la tintura, le noci.

[child_pages id=”682″ hide_more=”false” link_titles=”true” thumbs=”false” skin=”black” hide_excerpt=”false” cols=”2″ orderby=”rand” limit=”4″]

[child_pages id=”661″ hide_more=”true” link_titles=”true” thumbs=”true” thumbs=”large” skin=”black” hide_excerpt=”true” cols=”2″ orderby=”rand” limit=”6″]

[widget_area id=”front-page-6″]

Storia del cioccolato e della sua origine

La coltivazione, l’uso e l’elaborazione culturale del cacao furono precoci ed estesi in Mesoamerica. Una volta impollinati, i semi di cacao formano infine una specie di baccello o pannocchia lunga 10-35 cm appeso ai rami, all’interno del baccello ci sono da 30 a 40 semi di mandorla rosso bruno incorporati in una polpa dolce e viscosa. I fagioli o semi sono amari a causa degli alcaloidi al loro interno, la polpa dolce può essere stato il primo elemento consumato dagli esseri umani. Le prove suggeriscono che potrebbe essere stato fermentato e servito come bevanda alcolica già nel 1400 aC.

Mentre i ricercatori non sono d’accordo sul fatto che la cultura mesoamericana ha addomesticato per la prima volta l’albero del cacao, l’uso del fagiolo fermentato in una bevanda sembra essere emerso in Messico. Gli scienziati hanno potuto confermare la sua presenza nei bicchieri di tutto il mondo valutando l’”impronta chimica” rilevabile nei restanti campioni di contenuto. Un vaso in ceramica con residui della preparazione di bevande al cioccolato è stato rinvenuto in siti archeologici risalenti al periodo della prima formazione (1900-900 a.C.). Ad esempio, un vaso di questo tipo rinvenuto in un sito archeologico di Olmec sulla costa del Golfo di Veracruz (Messico) risale alla preparazione del cioccolato da parte di popoli preolmec dal 1750 a.C. Sulla costa pacifica del Chiapas, in Messico, un sito archeologico di Mokayanananan fornisce prove di bevande al cacao risalenti anche a prima, al 1900 a.C.

Intorno al 1500 a.C., gli olmechi di La Venta a Tabasco, in Messico, furono i primi esseri umani ad assaggiare, sotto forma di bevanda, i semi di cacao macinati, che mescolati con acqua e con l’aggiunta di varie spezie, erbe e peperoncino, e furono anche quelli che iniziarono a coltivare il cacao in Messico. Le prime testimonianze dell’addomesticamento della pianta del cacao risalgono alla cultura olmeca nel periodo preclassico: negli olmechi la si usava per riti religiosi o come bevanda medicinale, senza ricette per uso personale. Ci sono ancora poche prove di come la bevanda è stata trattata.

Nel 2008 l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico ha pubblicato studi delle Università di Columbia, Arizona, Yale, Yale, Wisconsin e Kennesaw, in cui le analisi applicate ad una nave trovata negli scavi di Cerro Manatí, situata nell’ejido di Macayal, nel comune di Hidalgotitlán, Veracruz, concludono che il consumo di cacao può essere avvenuto 800 anni prima di quanto si credeva, nel periodo formativo (1900-900 a.C.). Il vaso è datato dal carbonio 14 nel 1750 a.C. e contiene resti di teobromina, la componente marcatore della presenza di cacao nei vasi è intorno al 1100 a.C. nel sito archeologico di Puerto Escondido (a nord-est dell’Honduras attuale), studi più recenti (ottobre 2007) intrapresi dal team di archeologi guidato da John Henderson (Cornell University) e Rosemary Joyce (University of California at Berkeley) non solo confermano che già nel 1000 a.C., ma anche che la presenza di cacao nel vaso contiene resti di teobromina. C. il cioccolato è stato consumato nella regione, ma molto probabilmente in questa regione il consumo è iniziato intorno al 1500 aC. E ‘stato trovato in campioni di ceramica dal Belize dal 600 al 400 aC. Secondo Michael Coe, la bevanda è stata divulgata in Mesoamerica dagli Olmechi, ma le prove indicano una popolarità precedente.

All’inizio il consumo sembra essere stato sotto forma di una sorta di “birra”, cioè una bevanda basata sulla fermentazione piuttosto che sui semi di cacao della polpa di cacao. Una tale “birra al cioccolato”, i cui resti si trovano nei vasi di ceramica di Puerto Escondido, avrebbe un’importante funzione rituale e probabilmente veniva utilizzata per le nozze. Un po’ più tardi, gli olmechi, i Maya e i messicani (tra le altre civiltà mesoamericane) cominciarono a consumare il cioccolato derivato dalla pasta dei grani condita con il peperoncino. In forma semiliquida e liquida, il cioccolato era la bevanda preferita dai reali, che lo consumavano in bicchieri speciali (jícaras). Era anche considerato (giustamente) un alimento tonificante o energizzante, che poteva essere consumato mescolato in un impasto di farina di mais mescolato con peperoncini e miele.

I messicani premiarono i migliori guerrieri dell’epoca concedendo loro il diritto di consumare liberamente il cioccolato. Ai soldati furono date anche specie di palline di cacao in polvere per preparare il loro cioccolato per tutta la guerra.

Secondo la mitologia Maya, Kukulkan ha dato il cacao ai Maya dopo la creazione dell’umanità, fatto di mais (Ixim) dalla dea Xmucané (Bogin 1997, Coe 1996, Montejo 1999, Tedlock 1985). I Maya hanno organizzato una festa annuale in aprile per onorare il dio del cacao, Ek Chuah, un evento che includeva sacrifici di cani e altri animali con marchi di cioccolato dipinto, offerte di cacao, piume, incenso e scambi di regali.

Secoli dopo i Maya, gli Aztechi continuarono il gusto per il cioccolato Maya. È noto che l’imperatore Moctezuma amava bere una tazza di questa diluita in acqua, altri dicono che beveva 50 tazze al giorno. Una leggenda narra che in Messico lo stesso dio Quetzalcóatl (quasi equivalente al Maya Kukulkán) in tempi ancestrali diede agli uomini nelle sue mani i primi semi di cacao. Era un alimento molto comune tra i messicani e i maya. La sua preparazione è stata effettuata nel seguente modo: i semi sono stati prima tostati e poi macinati per ottenere una pasta che è stata poi mescolata con acqua. Questo composto è stato riscaldato fino a quando il burro o il grasso del cacao è salito in superficie. La schiuma è stata rimossa e poi è stata nuovamente miscelata – in certe proporzioni – con la bevanda; infine è stata battuta energicamente per formare un liquido con una schiuma consistente che veniva bevuta a freddo. A questa preparazione di base sono stati aggiunti, a seconda del gusto, diversi ingredienti, come peperoncino, annatto, vaniglia e miele come dolcificante e farina di mais come emulsionante base per assorbire il burro di cacao. Il risultato è stata una bevanda molto energetica ma anche molto amara e piccante.

Nella regione mesoamericana del Messico, i semi di cacao erano così apprezzati dagli Aztechi che all’epoca erano usati come moneta di scambio.

Prodotti più venduti

[amazon bestseller=”cioccolata” template=”horizontal2″ items=”20″]